La Kephala

Scavi 		in corso
La Kephala da s-o
Posta a nord del villaggio moderno di Thronos e all'interno della provincia di Amari, la collina della Kephala (m.616 s.l.m.) si erge isolata alle pendici ovest del Monte Ida (Psiloritis) e all'estremitÓ opposta di due vallate, Potamoi e Amari, che conducono rispettivamente alla costa nord e alla costa sud dell'isola. Da un punto di vista geologico l'area della Kephala si imposta su sedimenti terrestri di etÓ tortoniana ricoperti da depositi appartenenti alla tragressione marina messiniana. Per quanto riguarda i depositi superficiali Ŕ possibile distinguere: - depositi colluviali, che presentano uno spessore variabile da alcuni centimentri fino a 3 metri e risultano costituiti da sabbie medio-fini e silts derivati dall'alterazione subaerea della roccia (l'assenza di livelli intermedi soggetti a pedogenesi indica un'elevata velocitÓ del processo di ricoprimento/erosione); - depositi secondari formati dalla mobilizzazione e successiva deposizione di carbonato di calcio, noti come calcrete o caliche. La roccia in posto risulta formata da calcari cristallini massivi, da calcari fossiliferi e da calcareniti. La collina ha forma triangolare con pendici estremamente scoscese, eccetto che sul lato sud. Aree pianeggianti si trovano solo in prossimitÓ della sommitÓ e alla base delle pendici meridionali. La sommitÓ - circondata da una scarpata - Ŕ di forma circolare ed Ŕ occupata sul lato ovest da un'acropoli sulla quale Ŕ installato il ripetitore telefonico che serve la valle di Amari.